Ista/Ng

La Fondazione Barba Varley promuove la nascita di ISTA/NG, International School of Theatre Anthropology – New Generation.

Questo progetto di formazione e ricerca, ideato e diretto da Eugenio Barba, ha come obiettivo la trasmissione della conoscenza teatrale.

Coinvolge le nuove generazioni di maestri della scena di diverse culture e integra le modalità didattiche alle nuove tecnologie digitali.

ISTA/NG è l’ulteriore tappa della quarantennale attività di formazione e ricerca sull’antropologia teatrale di Eugenio Barba, il regista dell’Odin Teatret, considerato uno dei maestri e riformatori del teatro del Novecento.

Fin dal 1979, Barba avvia un innovativo campo di studi sui principi tecnici generali che stanno alla base e guidano la presenza scenica degli attori/danzatori in tutte le culture, e che definisce “antropologia teatrale”.

ISTA New Generation

L’anno successivo dà vita all’ISTAInternational School of Theatre Anthropology, un laboratorio internazionale itinerante di studi comparativi sull’antropologia teatrale.

La sua equipe di studiosi, esperti di varie discipline e artisti del teatro/danza di varie culture svolge un’attività di ricerca in tutto il mondo.

ISTA/NG è il passo successivo della Fondazione Barba Varley che amplia il progetto formativo e di ricerca a nuovi maestri e alle nuove tecnologie, con percorsi didattici, trasmissione di sapere incorporato, incontri e dialoghi tra diverse generazioni.

Sessione dell’ISTA/NG sull’isola di Favignana

La sessione dell’ISTA/NG (International School of Theatre Anthropology/New Generation), diretta da Eugenio Barba, è stata realizzata nell’isola di Favignana (Italia), nel periodo 12-22 Ottobre 2021, con tema “Presenza dell’attore e Percezione dello Spettatore”.

La sessione è stata organizzata dalla Fondazione Barba Varley in collaborazione con Linee Libere e Teatro Proskenion (Italia), Nordisk Teaterlaboratorium-Odin Teatret (Danimarca) e The Grotowski Institute (Polonia).

Lo staff didattico era composto da Eugenio Barba, Keiin Yoshimura (Giappone), Parvathy Baul (India), I Wayan Bawa (Bali), Alício Amaral e Juliana Pardo (Cia. Mundu Rodá, Brasile), Lydia Koniordou (Grecia), Kapila Venu (India), Alessandro Rigoletti, Caterina Scotti e Tiziana Barbiero (Teatro tascabile di Bergamo, Italia), Julia Varley (Odin Teatret, Danimarca), Ana Woolf (Argentina).

Maestri di diverse tradizioni di teatro e danza, in collaborazione con Eugenio Barba, hanno lavorato con 53 partecipanti da 21 paesi al livello pre-espressivo dei loro stili, ovvero al livello della presenza scenica.

Nella sessione dell’ISTA/NG maestri di teatro e danza di diverse tradizioni hanno ripercorso i primi passi del loro apprendistato. Nel corso della giornata hanno esemplificato con lavoro pratico e dimostrazioni, come hanno imparato e personalizzato la loro tecnica specifica.

I partecipanti hanno avuto l’opportunità di vivere l’esperienza del “primo giorno” diventando consapevoli dei principi che animano il saper fare fisico e mentale di un attore/ danzatore. Durante le dimostrazioni e i racconti biografici i partecipanti hanno avuto modo di conoscere percorsi personali e interculturali della presenza sociale dei maestri attori/danzatori.

Ogni maestro ha presentato uno spettacolo a cui è stata invitata la popolazione locale. Per partecipanti e artisti questo incontro presenziale dopo due anni di restrizioni per la pandemia è stata un’esperienza che ha infuso molta energia.

L’ISTA/NG ha preso in considerazione le contingenze economiche create dal corona virus, e ha proposto in contemporanea alla sessione di Favignana un corso digitale di antropologia teatrale per chi non poteva partecipare di persona. Il corso digitale di dieci lezioni era intitolato: “La Scuola dello Sguardo, Introduzione all’antropologia teatrale, La Presenza dell’attore/Danzatore e la Percezione dello Spettatore”.

Il corso, ideato e diretto da Eugenio Barba e Julia Varley, è consistito di dieci lezioni per un totale di cinquanta ore. Ogni lezione era introdotta da Eugenio Barba e includeva una parte con materiale d’archivio e filmati delle precedenti sessioni dell’ISTA, una parte con streaming in diretta delle lezioni, spiegazioni e dimostrazioni teorico-pratiche durante la sessione ISTA/NG a Favignana, una parte interattiva di un’ora di dialogo con gli artisti presenti a Favignana diretta da Leonardo Mancini.

Le dieci lezioni affrontavano i principali temi dell’antropologia teatrale: i principi tecnici che accomunano attori e danzatori di diverse culture, la differenza fra comportamento quotidiano e comportamento extra-quotidiano, il livello pre-espressivo e la costruzione della presenza scenica, animus/anima (energia vigorosa e soave), le strategie dell’attore/danzatore per catturare l’attenzione degli spettatori e l’effetto sul loro senso cinestetico e sulla loro percezione.

Presenza dell’attore e Percezione dello Spettatore

La sessione dell’ISTA/NG (International School of Theatre Anthropology/New Generation), diretta da Eugenio Barba, è stata realizzata nell’isola di Favignana (Italia), nel periodo 12-22 Ottobre 2021, con tema “Presenza dell’attore e Percezione dello Spettatore”.

Insta/Ng 2022

Olimpiadi del Teatro 2023 e Fondazione Barba Varley in collaborazione con Sinum Theatre Laboratory.

ISTA/NG INTERNATIONAL SCHOOL OF THEATRE ANTHROPOLOGY / NEW GENERATION diretta da Eugenio Barba

Scarica il Programma